About Me

Francesca è il mio nome e, a differenza di molti, io lo adoro..penso che mi stia proprio bene, me lo sono meritato!

Agli spostamenti, mi sono abituata prestissimo: a 14 i miei genitori, hanno deciso – per ragioni a me ancora sconosciute – di lasciare la nostra casetta a Gassino Torinese e di trasferire baracca e burattini – e qui il burattini eravamo chiaramente io e le mie due sorelle – in Abruzzo, a Vasto.

Ora, credimi: cambiare casa  nel pieno delle tempeste ormonali adolescenziali, non è il massimo! Quando gli amici, per te sono tutto.. tu prendi e te ne vai  a passare le estati da disadattata! Thanks Mom..

Ho ben presto capito che alle estati solitarie e sfigate, potevo rimediare viaggiando: sola per sola, almeno avrei unito l’utile al dilettevole! Smart girl..

A 15 anni il mio primo viaggio da sola: in Francia, a Bessans per circa tre mesi, dove lavoro presso Le Pontet ed imparo il francese a casa della famiglia Personnaz.

I passi successivi sono stati: un’estate alla pari in Francia, tra la Costa Azzurra e Parigi, due anni in Inghilterra a metà tra Bournemouth e Londra dove ho lavorato come assistente di volo.

Il viaggio del cuore (vero e proprio) è stato in South Africa: a 20 anni ho vissuto libertà, natura, cibo, persone e cultura di un Paese che sento un po’ mio!

Poi il mio rientro in Italia e la mia vita in Abruzzo! Dopo innumerevoli viaggi ho iniziato a guardarmi intorno e capire che il mio viaggio, in questa terra, non era mai cominciato!

Nel 2009 ho iniziato a scrivere d’Abruzzo sulla mia pagina FaceBook e da lì sono nate due passioni: ho provato a svestirmi dalla rabbia che ancora provavo ed ho iniziato a guardare quel che mi circondava, con occhi diversi!

Negli anni i contenuti si sono moltiplicati, le foro quintuplicate e le storie son lievitate; nel frattempo il mio approccio verso i social media è mutato: da semplice passione, ho deciso di formarmi e corso dopo  corso, workshop dopo workshop, spinta anche dalla mia infantile (e sana) curiosità…mi son ritrovata qui…a scrivere sul mio blog, a parlare di Instagram e a promuovere l’Abruzzo, l’Italia e qualsiasi altra meta da me raggiunta,  tramite post, eventi, tweets …

[ndr cioè mia: a 33 anni mi sento ancora una disadattata, ma almeno adesso non mi vergogno di dirlo..]

Ad oggi sono consapevole del fatto che  sono quella che sono grazie o per colpa di quel che ho vissuto:

la condivisione l’ho imparata vivendo in convitto, l’importanza della libertà l’ho assaporata quando, fino a 17, a scuola, ci facevano uscire un’ora al giorno e la punizione per i ritardi era per me una conseguenza disastrosa: soppressione dell’ora d’aria.

La scrittura ha sempre fatto parte di me e ringrazio quella santa della Prof.ssa Barbetti, senese trapiantata in Abruzzo, che mi ha sempre incoraggiata a scrivere con il cuore prima ancora che con la penna.

Ho capito che far trasparire una parte di sé nei proprio scritti, non è un reato, è umano.

Così oggi, scrivo per passione e per lavoro:

Una foto pubblicata da Francesca (@memesullaluna) in data:

Copywriter, creo contenuti per il web;

Social media specialist, mi occupo di costruire la strategia di marketing digitale e di gestire la comunicazione online e social di hotel, piccole strutture ricettive, APT, GAL, ed Enti Turistici;

Travel blogger, partecipo a press e media trip di Enti del Turismo, APT, Hotels, Resorts e brands. Per raccontare i miei viaggi utilizzo il mio blog e tutti i mie canali social facendo passare quel che in primis per me conta: l’amore per il viaggio, la mia non stanzialità ma ancor più evidenziando come strumenti di social media marketing possano essere fondamentali per la narrazione di un territorio o per attivare sinergie territoriali rilevanti.

Instagramer: nel 2012, ho aperto l’account Igers_Abruzzo, di cui sono tuttora Regional Manager. Nel tempo e con un prezioso team, sono nate anche le communities provinciali: Instagramers Pescara, Chieti, L’Aquila e Teramo.

Una foto pubblicata da Francesca (@memesullaluna) in data:

Scrivo per Instagramers ItaliaIl Daily Slow, Momondo e JetCost oltre che qui.

Sono coordinatrice del progetto MyAbruzzo, una partnership tra Instagramers Abruzzo ed il quotidiano regionale, Il Centro  (Gruppo Espresso), basata sulla cogestioned ell’account instagram della testata, per raccontare il territorio abruzzese.

Sono stata Digital Ambassador per Expo Abruzzo 2015: da giugno a ottobre 2015 ho lavorato con il team editoriale di Abruzzo Sviluppo, creando contenuti per far conoscere l’Abruzzo.

Prima di questa esperienza, sono stata parte del social media team di AbruzzoTurismo.it, lavorando per la realizzazione di Abruzzo Instarail e Igers Academy, presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione di Teramo.

Con SkyScanner, sono stata la prima italiana a fare il giro del mondo in 24 ore, durante il lancio dell’account Periscope del brand.

24hperiscopeIn tutto questo.. sono madre di due bimbi, sono certificata C1  in Inglese, amo la natura, il caffè, da due mesi quasi un anno non mangio carne ed in Trentino ho scoperto la cura per l’anima: il tree hugging!

Se, hai bisogno, sono qui..

twitter/ instagram @memesullaluna

email: memesullaluna@gmail.com

or happily lost somewher over the rainbow!

Una foto pubblicata da Francesca (@memesullaluna) in data:

buzzoole code

12 risposte

  1. Abruzzo, cucina e sorrisi: la Shortology di Rosanna

    […] About Me […]

  2. My Puglia Experience…mi vuoi far partire? Cliccca e vota per me

    […] About Me […]

  3. Philip Curnow
    Philip Curnow at ·

    Ciao Francesca, happy to find your website. I’ll be following your project with interest. Philip

  4. Simona
    Simona at ·

    Se c’è qualcosa che amo, prima di addentrarmi nello spulciare il blog di un travel blogger, è proprio leggere la sua biografia! In questo caso la tua! Sono una neo-blogger e mi piace tantissimo scoprire le storie di tanti di voi che da un blog hanno saputo tirar fuori passione e coinvolgimento ai massimi livelli, spero anche io un giorno di riuscirci nell’impresa!

  5. UrsaMinor
    UrsaMinor at ·

    Tree hugging? Grazie non lo conoscevo! E pensare che io in Trentino ci andavo per la Strudel-terapia!
    Complimenti, hai una bella “casa”!

Lascia una risposta