I tesori di Adelfia, la Puglia intima e biodiversa

I tesori di Adelfia, la Puglia intima e biodiversa

Capita una mattina di svegliarti in Puglia, ad Adelfia, aprire gli occhi, guardare il soffitto e trovarci un meraviglioso affresco. Capita di svegliarti in una delle più belle camere del Bed & Breakfast San Trifone, a Montrone, in uno dei due centri storici di Adelfia.

b&b San Trifone Montrone viaggiare in puglia

Sì, perché la particolarità di Adelfia è proprio quella di avere due centri storici: Canneto e Montrone. Questi furono amministrativamente indipendenti fino al 1927 quando un decreto firmato dal re Vittorio Emanuele II ne sancì l’unificazione sotto il nome di Adelfia, dal greco “Adelphòs” che significa fratellanza. Nonostante la vicinanza fisica, i due centri hanno mantenuto le loro differenze strutturali, nonché tradizioni. Proprio per la difficoltà della nascita di una identità unitaria, ancora oggi ci sono due cimiteri, due scuole elementari e medie, due centri postali, due feste patronali, due dialetti diversi.

Adelfia  –  credits @abicidi

Passeggiare tra i due rioni, fisicamente separati dalla linea ferroviaria Bari-Putignano, significa immergersi nelle loro storie, nel loro passato e respirare la tradizione di un popolo ricco di diverse sfaccettature.

Montrone è famosa in particolare per i fuochi d’artificio che la illuminano nel corso della festa patronale di San Trifone, è per questo considerata la capitale dei fuochi pirotecnici. Questa festa è da anni ritenuta la “regina delle feste patronali di Puglia” ed attira annualmente migliaia di devoti pellegrini ed estimatori della pirotecnia da tutta la Puglia, Campania, Molise, Abruzzo e Lazio. Numerosi sono anche i fedeli che dall’estero si recano ad Adelfia per festeggiare questo evento laico e religioso.

La festa patronale si celebra dall’1 all’11 novembre, ma quelli più importanti sono il 9, il 10 e 11 novembre.

Nella notte del 10 novembre l’inizio della festa viene sancito alle 4 del mattino dal “colpo del cannone” per celebrare la devozione al Santo protettore. Svegliati da questo colpo, i fedeli si recano nella chiesa di San Nicola per assistere alla prima messa celebrata alle 4.30 del mattino. Uno spettacolo di luci, musica e fuochi d’artificio animano Adelfia ogni anno per questo evento speciale.

Le luminarie, una delle protagonisti della festa, sono realizzate dal 1922 dalla ditta Faniuolo che ogni anno ha illuminato le strade di Montrone in occasione della festa del patrono.

Adelfia è anche culla di famosi artisti come Giovanni Gasparro, pittore e incisore pluripremiato e massimo esponente della pittura sacra contemporanea. Il pittore ci ha gentilmente ospitato all’interno del suo studio ad Adelfia. Difficile non rimanere estasiati e meravigliati dallo splendore e dall’espressività travolgente delle sue opere. Una pittura che generalmente ha come protagonisti figure religiose, ma ispirate nella loro fisicità da persone comuni, persone che il pittore incontra nella vita quotidiana e che prestano la loro figura per diventare immortali nelle tele di Giovanni Gasparro.

photo credits @abicidi

Continuando a parlare di pittura, quella di Jara Marzulli raffigura personaggi essenzialmente femminili e le sue opere hanno come protagonisti l’umanità raffigurata nella sua naturalezza con i suoi sentimenti e le sue emozioni. L’artista affronta soprattutto il tema della maternità, espressione dell’universo femminile, con la delicatezza dei copri nelle linee e nei colori.

credits @abicidi

Un ringraziamento va anche a “Live in art”, l’associazione artistico-culturale che organizza corsi di pittura, disegno e carta pesta per aspiranti artisti di ogni età e ci ha permesso di immergerci nel loro mondo fatto di arte, bellezza ed immaginazione!

pittura adelfia

credits @abicidi

Un viaggio, quello ad Adelfia, che mi ha dato l’occasione di conoscere nuovamente una magnifica regione come la Puglia, mi ha permesso di conoscere nuovi posti, nuove tradizioni, nuove persone e condividere con queste una magnifica esperienza tra vicoli di bellissimi centri storici e la natura in occasione della Settimana della Biodiversità Pugliese con lo stupore negli occhi e la gioia nel cuore.

Grazie all’amministrazione comunale di Adelfia e ai suoi collaboratori che hanno reso possibile tutto questo!

Testo e immagini di Anisa Kallaverja, che ha vissuto quest’esperienza raccontandola con infinita ed intima dolcezza.