Ho un problema con le vacanze di Natale...

Ho un problema con le vacanze di Natale…

Il Natale è alle porte, da circa un mese!

Eh sì, lo ammetto, il Natale non è nella mia top 10 emotiva e culturale: diciamo che è il periodo dell’anno che forse, insieme alla Pasqua, mi rende più ansiosa e malinconica.

Prego.. sì prego spesso che le vacanze di Natale passino subito, perché cene e sit-in familiari  mi creano una sorta di pressione toracica! Forte, fortissima..

xmas tree

La promessa invece, è che quest’anno cercherò di  alleggerirmi: cerco di spostare l’attenzione su cosa proporre ai miei bimbi piuttosto che su pensieri tipo “dove scappo per evitare l’inevitabile”?

Lo scorso anno ero in Sud Africa e diciamo che tutto il cerimoniale natalizio all’italiana l’ho scampato alla  grande! Bei tempi..

Ho cercato quindi di trovare attività distensive per coprire i 15 giorni in cui il mondo italico, cristiano cattolico e, nello specifico, quello che risiede un piano sotto il mio vive per un solo motivo: mangiare e forzatamente cucinare tonnellate di cibo, onorare tutte le Santissime Messe che tutte le 7 Parrocchie hanno in programma e seguire alla lettera il precetto natalizio.

Ecco qui una bullet list per te che, come me, vivi il disagio dei vespri forzati:

  • leggi, perché leggere aiuta sempre e comunque
  • cammina, esplora i luoghi accanto te e fai tante foto: non abbandonare la tua gallery instagram proprio ora che ha bisogno di te

reindeers

  • pianifica un viaggio: hai tutto il tempo di questo mondo! Approfitta dei tempi morti e inizia un’accurata ricerca.. la primavera è vicina!
  • se la formazione è ciò che salverà l’Universo [ed oltre] cerca il corso online che avresti voluto seguire. Vale sempre la regola del punto precedente: hai tempo, usalo!
  • gioca: allentati i ritmi della quotidianità, sbracati e vivi in leggerezza. Se hai bimbi (come Madame moi-même… cioè io) regala un po’ più del tuo tempo a loro e meno alla tua cucina.

playing

  • il cinema è sempre un’ottima alternativa
  • contatta un’amica o un amico ed inviatala/o per un te o una merenda.. sono certa che ha tanto bisogno di uscire fuori di casa, dalla sua!

gingerbread

… al resto ci sto ancora pensando, ma se hai suggerimenti sono ben felice di sentirli!

L’unica cosa, ti prego, non te ne uscire con uno scontatissimo “VIAGGIA!” .. ti pare che sarei rimasta a casa se avessi potuto?!

ah dimenticavo: del Natale mi piace la magia, la leggenda, la storia, quel sapore nordico.. non la sua pesantezza, ecco sì mi piace la fiaba, il poterlo vivere liberamente senza troppi sigilli.

photo credits: Pinterest